Ti trovi qui: Home » Didattica » Insegnamento: Geoingegneria e idrogeologia

Insegnamento: Geoingegneria e idrogeologia (Offerta Formativa a.a. 2017/2018)

Corso di studio: SCIENZE E TECNOLOGIE GEOLOGICHE (D.M. 270/04)

CFU15
Moduli

Modulo: geoingegneria e idrogeologia - (modulo 1)
TAF: Caratterizzante; SSD: GEO/05; Ambito: Discipline geomorfologiche e geologiche applicative
Docenti: Alessandro CORSINI

Modulo: geoingegneria e idrogeologia (modulo 2)
TAF: Caratterizzante; SSD: GEO/05; Ambito: Discipline geomorfologiche e geologiche applicative
Docenti: Francesco RONCHETTI

Dolly Accedi ai dati dell'insegnamento su Dolly
Propedeuticità obbligatorie
Modalità di accertamento del profitto Orale
Modalità di valutazione Voto
Esse3 Accedi ai dati dell'insegnamento su Esse3
Lingua di insegnamento

Italiano

Partizionamento studenti

Nessun partizionamento

Obiettivi

Modulo 1 "PROSPEZIONE E MONITORAGGIO" (6 CFU Prof. Corsini) Acquisire conoscenze e capacità progettuali nell'ambito della pianificazione ed esecuzione di campagne di indagini e monitoraggio per diverse finalità attinenti alla progettazione geotecnica, da integrare all'interno di relazioni geologiche e geotecniche.
Modulo 2 "GEOINGEGNERIA" (3 CFU Prof. Corsini) Acquisire conoscenze nell'ambito di principi di progettazione geotecnica e della micro-zonazione sismica ai sensi della più recente normativa europee e nazionali.
Modulo 3 "IDROGEOLOGIA" (6 CFU Prof. Ronchetti) Conoscere i principi del bilancio idrico; Conoscere le principali tecniche di monitoraggio; Conoscere le tecniche per la caratterizzazione idrologica del sottosuolo; Supportare la progettazione e la realizzazione di opere di captazione delle risorse idriche; Conoscere i principi teorici relativi alla chimica, agli isotopi e all'inquinamento delle acque sotterranee; Conoscere i principi per la stima della vulnerabilità degli acquiferi; Valutare ed analizzare problematiche idrogeologiche in studi a carattere geologico-applicativo, di protezione ambientale e in caso di siti contaminati.

Prerequisiti

I prerequisiti validi per tutti i 3 moduli di cui si compone il corso sono: Conoscenze di fisica generale, chimica generale, matematica generale; Capacità di svolgere calcoli algebrici/trigonometrici applicando formule; Conoscenza dei fondamenti della geologia, geomorfologia, petrografia e mineralogia; Conoscenza dei fondamenti della meccanica dei terreni; Conoscenza dei principali approcci analitici e capacità di impostare verifiche di problematiche geotecniche.
Per i moduli 2 e 3 sono inoltre richiesti: Conoscenza dei fondamenti della meccanica delle rocce e dell’idrogeologia; Conoscenza dei fondamenti della petrografia e mineralogia.

Contenuti

Il corso si compone di 3 Moduli.
Modulo 1 "PROSPEZIONE E MONITORAGGIO" (6 CFU Prof. Corsini)
(modulo condiviso tra “Scienze e Tecnologie Geologiche” ed “Ingegneria per la Sostenibilità Ambientale”)
Finalità generali della prospezione e monitoraggio dei dissesti idrogeologici ai sensi degli Eurocodici, concetto di volume significativo; Approcci di indagine e monitoraggio problematiche geoingegneristiche; Tecniche di prospezione geognostica dirette (sondaggi, prove in foro, peterometriche, altre) ed indirette (geofisiche);Tecniche di monitoraggio geotecniche, topografiche, idrogeologiche.
Modulo 2 "GEOINGEGNERIA" (3 CFU Prof. Corsini)
(modulo solo per “Scienze e Tecnologie Geologiche”)
Principi e metodi di progettazione geotecnica ai sensi degli Eurocodici ed NTC; Principi e metodi di macro e micro-zonazione sismica ai sensi degli Eurocodici, NTC e documenti guida per MZS su 3 livelli di dettaglio
Modulo 3 "IDROGEOLOGIA APPLICATA" (6 CFU Prof. Ronchetti)
(modulo solo per “Scienze e Tecnologie Geologiche”)
Calcolo del bilancio idrico; coefficiente di infiltrazione potenziale; strumenti di monitoraggio per l’insaturo e il saturo e per le acque superficiali; realizzazione di pozzi per acqua; prove di pozzo e prove di permeabilità e di pompaggio; sorgenti naturali; idrogrammi di sorgenti e fiumi; protezione e vulnerabilità della risorsa idrica sotterranea; stima delle aree di protezione degli impianti di captazione; proprietà chimico - fisiche delle acque e cenni sugli isotopi; fenomeno dell’ingressione marina; prove di tracciamento; studio dei fenomeni di inquinamento ed evoluzione degli inquinanti in falda e nell’insaturo; cenni su tecniche di bonifica; cenni di geotermia a bassa entalpia.

Metodi didattici

Lezioni frontali in classe, Presentazioni orali da parte di gruppi di studenti, Esercizi applicativi Visite di cantiere, Laboratori informatici. Ricevimento A.Corsini: Lunedì 11-12 Ricevimento F.Rocnetti: Lunedì; Ufficio F. Ronchetti; Previo appuntamento Tel.: 059.2058464, e-mail: francesco.ronchetti@unimore.it

Verifica dell'apprendimento

La verifica è volta a valutare il raggiungimento di un livello sufficiente delle conoscenze/competenze e delle abilità applicative relative ai risultati di apprendimento attesi (90%). Servirà inoltre a valutare complessivamente anche le competenze trasversali (10%): abilità comunicative, autonomia di giudizio e capacità di apprendimento. La verifica si compone di 4 prove parziali come di seguito riportato. Modulo1+2 (Corsini): 2 prove parziali di cui: scritto (esercizi di pianificazione indagini e monitoraggio, senza uso di appunti e formulari); orale (su teoria ed approcci di studio). All’orale si accede previo superamento 18/30 allo scritto. Per M1+2 si ottiene unica votazione in trentesimi (congiunta scritto, orale) avente peso 60% (9/15 CFU) sulla valutazione finale. Modulo3 (Ronchetti): 2 prove parziali di cui: primo orale (teoria); secondo orale (esposizione e discussione caso di idrogeologia ambientale assegnato). Per M3 si ottiene unica votazione in trentesimi (congiunta delle prove orali) avente peso 40% (6/15 CFU) sulla valutazione finale. Per il superamento delle prove finali è necessario il raggiungimento della sufficienza (18/30) in tutte le prove (M1+2, M3). La valutazione finale complessiva è espressa con votazione in trentesimi da media pesata tra i voti ottenuti in M1+2 e M3. Tutte le prove parziali sono previste dalla fine dell'insegnamento. Le prove parziali M1+2 e M3 possono essere condotte nell’ordine che lo studente preferisce. Tutte le prove sono in italiano ed in inglese per gli stranieri. Nelle prove orali non è ammesso l’uso di supporti, se non espressamente necessario per la presentazione del caso di studio (M3) o salvo nei casi ciò sia previsto a fronte di DSA certificate. E’ possibile visionare la prova in caso di non successo [feedback] e ottenere indicazioni sulle modalità di recupero e consigli sul processo di apprendimento con le seguenti modalità: alla consegna degli esiti delle prove scritte o al termine delle prove orali.

Risultati attesi

CONOSCENZA, CAPACITÀ DI COMPRENSIONE Tramite lezioni, esercitazioni, visite cantiere, lo studente apprende: M1: gli obiettivi, le finalità dell'indagine di sito e del monitoraggio; i principi di funzionamento e gli ambiti di applicazione; i limiti ed i vantaggi; le procedure di messa in opera; le modalità di lettura ed interpretazione dei risultati. M2: i principi di progettazione geotecnica secondo le norme tecniche di costruzione ed i metodi di micro-zonazione sismica. M3: i principi di studio ed analisi dei sistemi acquiferi e dei fenomeni di inquinamento; i principi di progettazione di opere di captazione; i principi per la progettazione di reti di monitoraggio ambientali. CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA/COMPRENSIONE Tramite esercitazioni, visite in cantiere, lo studente sviluppa capacità di: M1+2: progettare campagne di indagini di sito e monitoraggio per diverse finalità, al fine della redazione di relazioni geologiche-geotecniche e piano e rapporto di indagine; M3: Utilizzare i risultati ottenuti per specifiche valutazioni idrogeologiche/ambientali e redigere documenti di sintesi. AUTONOMIA DI GIUDIZIO Tramite le esercitazioni e presentazioni a gruppi, lo studente sviluppa capacità di: M1+2+3: valutare criticamente i risultati ottenuti; argomentare le scelte fatte nella definizione di modelli computazionali; prevedere il comportamento di sistemi complessi da informazioni limitate. ABILITÀ COMUNICATIVE Tramite esercitazioni e presentazioni a gruppi, lo studente sviluppa capacità di: M1+2+3: presentare dati in modo efficace, esprimere i concetti appresi con linguaggio appropriato e sostenere una discussione. CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO Tramite lezioni, visite cantiere, preparazione presentazioni a gruppi, nonché preparazione prove parziali d’esame, lo studente acquisisce: M1+2+3: capacità di provvedere autonomamente a un autonomo approfondimento degli argomenti trattati e poter condurre con profitto, in prospettiva, l’aggiornamento professionale.

Testi

Prof. A.Corsini
Slides del corso fornite dal docente su ESSE3
# Titolo: Geoingegneria, Autore: Gonzalez de Vallejo Luis I., Editore: Pearson Education Italia, Data di Pubblicazione: 2004, Collana: Accademica, ISBN: 8871920945
# Titolo: Geologia applicata all'ambiente, Curato da: Canuti P., Crescenti U., Francani V., Editore: CEA, Data di Pubblicazione: 2008, ISBN: 8840814027
Prof. F.Ronchetti
Slides del corso fornite dal docente su ESSE3
# Celico P. - Prospezioni Idrogeologiche - Ed. Liguori, 2 volumi
# Civita M. Idrogeologia applicata e ambientale. Casa Editrice Ambrosiana, Milano 2005
# Francani V. - Idrogeologia Ambientale - Casa Editrice Ambrosiana. Distribuzione esclusiva Zanichelli
# Freeze A.R., Cherry J.A. -Groundwater - Prentice-Hall
# Fetter C.W. - Applied Hydrogeology – McMilla

Docenti

Alessandro CORSINI
Francesco RONCHETTI