Ti trovi qui: Home » Didattica » Insegnamento: Chimica analitica II

Insegnamento: Chimica analitica II (Offerta Formativa a.a. 2015/2016)

Corso di studio: CHIMICA (D.M. 270/04)

CFU9
Moduli

Modulo: CHIMICA ANALITICA II
TAF: Caratterizzante; SSD: CHIM/01; Ambito: Discipline chimiche analitiche e ambientali
Docenti: Lorenzo TASSI

Dolly Accedi ai dati dell'insegnamento su Dolly
Propedeuticità obbligatorie
Modalità di accertamento del profitto Orale
Modalità di valutazione Voto
Esse3 Accedi ai dati dell'insegnamento su Esse3
Lingua di insegnamento

Italiano

Partizionamento studenti

Nessun partizionamento

Obiettivi

Fornire allo studente tutte le conoscenze di base per affrontare il problema del processo analitico in generale, in modo completo dal campionamento alla refertazione, relativamente ad una qualunque sostanza o matrice complessa.

Prerequisiti

Chimica Generale;
Chimica Organica I, II ;
Chimica Analitica I + Lab. Chim. Anal. I ;

Contenuti

Il processo analitico- Ottenimento del campione - Preparazione del campione - Effetto matrice : la separazione degli interferenti - Esecuzione della determinazione - Calcolo dei risultati e refertazione del campione.

Metodologie di trattamento di campioni reali e analisi di prodotti commerciali. Determinazione delle caratteristiche costitutive, del titolo e ricerca di impurezze mediante metodi chimici, chimico-fisici e strumentali (UV-vis, AA, ICP, ecc.).
Esercitazioni di laboratorio: analisi di acque, prodotti alimentari, matrici complesse, ecc.

ORARIO di RICEVIMENTO : lunedi, martedi, mercoledi, giovedi, ore 12 - 13.

Metodi didattici

- Lezioni frontali d'aula, con illustrazione dei contenuti capitolari mediante l'ausilio di lucidi e diapositive in formato elettronico. - Esercitazioni di laboratorio su matrici complesse, per la verifica sperimentale delle nozioni strutturate che costituiscono l'ossatura del programma del corso.

Verifica dell'apprendimento

Le modalità d'esame consistono in una prova orale durante la quale il candidato deve dimostrare di conoscere approfonditamente : - i contenuti curricolari e formativi dell'insegnamento, considerato nella sua integrità, ovvero, parte istituzionale d'aula e parte esercitazionale di laboratorio; - le metodologie operative seguite ed applicate sperimentalmente per la refertazione dei campioni di matrici complesse analizzate in laboratorio; - la chimica di base di tipo organico-inorganico-analitico-chimico fisico, per descrivere correttamente il comportamento ed il chimismo di reagenti, analiti, prodotti di reazione e matrici complesse. Inoltre, deve dimostrare di saper utilizzare correttamente i formalismi chimico-matematici per eseguire calcoli stechiometrici anche piuttosto elaborati, indispensabili per la stesura dei rapporti di prova. Generalmente, le relazioni di laboratorio, ovvero i referti d'analisi relativi alle prove sperimentali, offrono lo spunto iniziale per attivare la discussione che si snoda lungo tutto il percorso di verifica della preparazione. E' evidente che si tratta di una verifica "integrale ed integrata" : - integrale, rispetto ai contenuti dell'insegnamento impartito; - integrata, rispetto ai contenuti formativi degli insegnamenti erogati a partire dal 1° anno di corso, fino al momento dell'esame finale di questo insegnamento. Pertanto, il candidato che si sottopone a verifica è pienamente consapevole del fatto che esistono "argomenti disciplinari e contenuti irrinunciabili" di varia estrazione culturale, che non sono stati trattati come unità didattiche indipendenti e strutturate all'interno del programma del corso, ma che sistematicamente devono essere ripresi dal percorso precedente. In questo modo, si può fornire allo studente una visione d'insieme che testimonia l'unitarietà della chimica, anche se è stata erogata, studiata e compresa a pacchetti finiti (i singoli insegnamenti).

Risultati attesi

Conoscenza e capacità di comprensione Le istituzioni d’aula e le esercitazioni di laboratorio, consentono allo studente di acquisire conoscenze (i “saperi”) e competenze (il “saper fare”) basilari per comprendere le metodologie operative più comuni necessarie per refertare correttamente una generica matrice. Capacità di applicare conoscenza e comprensione Lo studente che matura la piena consapevolezza del “sapere e saper fare”, sarà in grado di tradurre in azioni concrete il contenuto di un generico protocollo d’analisi, padroneggiando tutti gli aspetti di una corretta gestione del processo analitico per la caratterizzazione della matrice iniziale. Autonomia di giudizio Lo studente dovrà maturare la capacità di discernere fra diversi protocolli e metodi di prova alternativi, soprattutto per applicazioni specifiche che ricorrono a tecniche strumentali diverse, per la corretta refertazione del campione. Deve saper valutare, interpretare e commentare in piena autonomia di giudizio, dati e rappresentazioni formali di un generico rapporto di prova. Abilità comunicative Lo studente deve acquisire adeguate capacità di presentazione efficace, in forma scritta ed orale, dei risultati ottenuti dall’applicazione dei metodi di prova. Dovrebbe possedere abilità comunicative e relazionali per disquisire sui propri ed altrui risultati, e poter sostenere la propria opinione in contraddittorio con altre figure professionali ed operatori di varia estrazione culturale. Capacità di apprendimento Sulla base delle proprie capacità cognitive, lo studente dovrebbe acquisire un adeguato livello di autostima, per sviluppare il proprio ego in misura adeguata alle sue aspettative di crescita culturale. Pertanto saprà dotarsi di tutti gli strumenti necessari per migliorare le sue capacità professionali secondo i criteri dell’auto-apprendimento e la formazione continua, indispensabili per garantire l’aggiornamento rispetto ai meccanismi dell’innovazione continua.

Testi

- SKOOG-WEST-HOLLER, CHIMICA ANALITICA, EdiSES (NA), 2002.
- HOLLER, SKOOG, CROUCH, Chimica Analitica Strumentale, EDISES (NA), 2009.
- RUBINSON-RUBINSON, Chimica Analitica Strumentale, Zanichelli (BO), 2002.
- HARRIS, Chimica Analitica Quantitativa, Zanichelli (BO), 1991.
- KELLNER et al., ANALYTICAL CHEMISTRY, Wiley-VCH, D, 1998.
- RUBINSON-RUBINSON, Contemporary Chemical Analysis, Prentice Hall, 1998.
- MANZ, Bioanalytical Chemistry, World Scientific Publishing (UK), 2012.
- K.S.CHAN, J.Tan - Understanding Advanced Organic and Analytical Chemistry, World Scientific, 2014.
- K.S.CHAN, J.Tan - Understanding Advanced Chemistry through Prioblem Solving (vol. 1,2), World Scientific, 2014.
- Lucidario delle lezioni (su piattaforma DOLLY).

Docenti

Lorenzo TASSI