Ti trovi qui: Home » Didattica » Insegnamento: Chimica organica I

Insegnamento: Chimica organica I (Offerta Formativa a.a. 2014/2015)

Corso di studio: CHIMICA (D.M. 270/04)

CFU15
Moduli

Modulo: CHIMICA ORGANICA I
TAF: Base; SSD: CHIM/06; Ambito: Discipline chimiche
Docenti: Francesca PARENTI, Emanuela LIBERTINI

Dolly Accedi ai dati dell'insegnamento su Dolly
Propedeuticità obbligatorie
Modalità di accertamento del profitto Orale
Modalità di valutazione Voto
Esse3 Accedi ai dati dell'insegnamento su Esse3
Lingua di insegnamento

Italiano

Partizionamento studenti

Nessun partizionamento

Obiettivi

Conoscenza delle principali famiglie di composti organici, della relazione tra la struttura e la loro reattività

Laboratorio:
conoscere e saper utilizzare le principali tecniche di laboratorio per l’isolamento e la purificazione dei composti organici (distillazione, cristallizzazione, estrazione con solventi, cromatografia…)

Prerequisiti

Struttura atomica, legami chimici, acidità e basicità, equilibrio chimico, cinetica, grandezze termodinamiche principali

Contenuti

Legame covalente e reattività chimica, reazioni acido-base dei composti organici, alcani e cicloalcani, stereochimica, reazioni di sostituzione nucleofila e di eliminazione, alcheni, alchini, alcoli, dioli ,epossidi ed eteri, acidi carbossilici e loro derivati, reazione di sostituzione nucleofila al carbonile, enoli ed anioni enolato come nucleofili, polieni, la chimica delle ammine, la chimica dei composti aromatici, reazioni radicaliche
PROPEDEUTICITà: CHIMICA GENERALE
RICEVIMENTO: RICHIEDERE VIA EMAIL

Laboratorio:
Verranno descritte dal punto di vista teorico le principali tecniche di purificazione dei composti organici: cristallizzazione, distillazione semplice e frazionata, cromatografia su colonna e su strato sottile, estrazione con solventi ed estrazione acido-base. Verranno quindi proposte diverse esperienze di laboratorio atte a consolidare le conoscenze teoriche precedentemente acquisite.

Metodi didattici

lezioni frontali, esercitazioni tramite risoluzione di problemi, attività pratiche di laboratorio

Verifica dell'apprendimento

Il voto di laboratorio contribuirà per un terzo al voto finale. Per la rimanente votazione occorrerà affrontare una prova orale sull' intero programma, prova alla quale si accede dopo avere raggiunto la sufficienza alla prova scritta proposta ad ogni appello Laboratorio: prima di ogni esperienza verrà somministrato allo studente un quiz pre-lab allo scopo di valutare le conoscenze teoriche e di sicurezza sull'esperienza stessa. Alla media dei voti del quiz pre-lab andrà sommato un contributo per la frequenza ed il comportamento in laboratorio (è consentito un massimo di 2 assenze dopodichè verrà applicata una diminuzione del punteggio) e un contributo per il quaderno di laboratorio (verranno valutate la completezza, l'ordine e la precisione con cui viene descritta ciascuna esperienza svolta)

Risultati attesi

Gli studenti debbono sviluppare conoscenze e capacità di comprensione delle strutture dei composti del carbonio, proprietà fisiche,reattività dei gruppi funzionali insieme ai principali meccanismi di reazione. Lo svolgimento degli esercizi permetterà di comprendere le possibili trasformazioni di molecole e di prevedere il loro comportamento. Laboratorio: Conoscenza e capacità di comprensione: Attraverso lezioni frontali lo studente apprende nozioni sulle proprietà chimico-fisiche fondamentali dei composti organici (punto di ebollizione, punto di fusione, solubilità, polarità) e sullo sfruttamento di tali proprietà nelle principali tecniche di purificazione e/o isolamento dei composti organici (distillazione, cristallizzazione, cromatografia) Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Tramite le esercitazioni in laboratorio, lo studente è in grado di applicare le conoscenze teoriche precedentemente acquisite nella determinazione di proprietà chimico-fisiche (punto di ebollizione e di fusione) e nella purificazione di composti organici (distillazione, cristallizzazione, cromatografia) Autonomia di giudizio: Attraverso una relazione scritta da redigersi per ciascuna esperienza proposta in laboratorio lo studente dimostra di aver compreso la teoria che supporta l’esperienza, di saper esporre e discutere i risultati sperimentali ottenuti, di rilevare e motivare eventuali discrepanze dalle previsioni teoriche. Abilità comunicative: Le relazioni scritte permettono di sviluppare la capacità a presentare i dati ottenuti in modo efficace e conciso; di esprimere i concetti appresi con linguaggio appropriato e di sostenere una discussione in merito agli argomenti trattati. Capacità di apprendimento: le attività descritte consentono allo studente di acquisire gli strumenti metodologici per proseguire gli studi e per potere approfondire autonomamente.

Testi

-Chimica organica (struttura e reattività) S.Ege
idelson-gnocchi

- Chimica Organica
Brown, Foote, Iverson, Anslyn
Edises
-Chimica organica 6 ed.
Morrison Boyd
casa editrice ambrosiana

- Chimica organica
John McMurry. Piccin

-M. D'Ischia "La Chimica Organica in Laboratorio" Ed. Piccin
-R. M. Roberts, J. C Gilbert, S. F. Martin, "Chimica Organica Sperimentale", Ed. Zanichelli

Docenti

Emanuela LIBERTINI
Francesca PARENTI